home page home page home page home page home page
f in t o

Chi siamo.

La Associazione AMICI del NEVEGAL è stata costituita il 18 settembre 1971 dai soci fondatori :

CIRIOTTO Giorgio
ARDU Giovanna
CORRADINI Eugenia
VALENTI Paolo
MIARI FULCIS Damiano
TEDALDI di TAVASCA Luciano Dario
DALLE MULE Marzio
RAVAGNI Fabio.

L'atto costitutivo dell' Associazione ed il relativo STATUTO sono stati redatti e sottoscritti presso il notaio SOCCAL Adolfo con rogito posto al n° 65550 di repertorio e registrato il 5 ottobre 1971 al n° 1742 vol. 210 mod. I.

Il Consiglio Direttivo è cosi' composto :

Presidente

Vice Presidente

Segretario-Tesoriere

Membri

Il collegio dei Revisori dei Conti è composto da 3 membri


STATUTO

Lo Statuto , nell'Assemblea Straordinaria dei Soci del 29 dicembre 1988 , ha subito alcune modifiche e lo Strumento modificato è stato registrato presso l'ufficio del Registro di Belluno il 15 gennaio 1999 al n° 222 serie 3 .

SCOPI

Art. 1
E' costituita , con sede in Belluno località Nevegal ,
l'Associazione "AMICI DEL NEVEGAL".

Art. 2
L' Associazione non ha carattere politico nè fini di lucro e si propone :

a) la promozione e l'assunzione di iniziative atte alla valorizzazione del Nevegal;

b) il miglioramento dei servizi pubblici e delle condizioni generali del Nevegal;

c) la più fattiva collaborazione con Autorità, Enti Pubblici ed Associazioni interessati alle finalità sopra indicate;

d) l' assistenza agli associati per particolari problemi connessi alle loro proprieta , attivita , residenza o soggiorno in Nevegal.

SOCI

Art. 3
1) Alla Associazione possono aderire in qualità di Soci Ordinari tutti i proprietari di ville , appartamenti ed aree , i residenti nel Nevegal , gli operatori e tutti coloro che , per ragioni di lavoro o di turismo o per particolari interessi siano propensi alla valorizzazione del Nevegal tramite il raggiungimento degli scopi sociali dell' art. 2

2) L'ammissione a Socio deve essere proposta da un altro socio ed accettata dal Consiglio Direttivo.

Art. 4
L' ammissione alla Associazione impone per i soci l' obbligo di osservare il presente Statuto e di uniformarsi alle deliberazioni che siano state adottate dagli organi dell' Associazione.

Art. 5
La qualità di socio si perde :

a) per dimissioni;

b)per decisione dell' Assemblea su proposta del Consiglio direttivo.

ORGANI

Art. 6 Sono organi dell' Associazione : l' Assemblea dei Soci , il Consiglio Direttivo ed il Collegio dei Revisori dei Conti.

Art.7

1)- L'Assemblea ordinaria dei soci è convocata dal Presidente del Consiglio Direttivo e si raduna una volta all' anno nel mese di agosto.

2)- L' Assemblea straordinaria è convocata ogni qualvolta il Presidente o il Consiglio Direttivo lo credano opportuno oppure quando ne sia fatta richiesta scritta e motivata da almeno un quarto dei soci ordinari.

3)- La convocazione delle Assemblee sarà effettuata mediante lettera da spedirsi agli associati almeno 15 giorni prima della riunione ed in essa , oltre all' ordine del giorno , devono essere indicati il luogo , la data e l' ora sia per la prima che per la eventuale seconda convocazione .

Art. 8 Le Assemblee , sia la Ordinaria , salvo quanto disposto dall' art. 17 , che la Straordinaria , sono valide in prima convocazione con l' intervento di tanti soci che dispongano di almeno la metà dei voti spettanti agli associati ed in seconda convocazione qualunque sia il numero dei soci partecipanti.

Art. 9 Ogni socio ha diritto a un voto. I soci possono farsi rappresentare da un altro socio munito di delega scritta. Ogni socio non può avere più di cinque deleghe.

Art. 10 Il Presidente del Consiglio Direttivo o ,in sua assenza , il vice Presidente presiede l' Assemblea. Il Presidente dell' Assemblea è assistito da un Segretario scelto anche all' infuori dei componenti il Consiglio Direttivo e del Revisori dei Conti. Le deliberazioni delle Assemblee , sia ordinaria che straordinaria , sono valide quando abbiano raggiunto la maggioranza degli aventi diritto al voto presenti all' adunanza. La votazione si fa , normalmente , per alzata di mano ; si fa per appello nominale quando ne sia fatta domanda da tanti intervenuti cha abbiano diritto ad almeno un quinto dei voti ; si fa per schede segrete quando la deliberazione riguarda conferimento o revoca di uffici a determinate persone , salvo che l' Assemblea vi proceda per acclamazione . Delle adunanze delle Assemblee viene redatto verbale che sarà sottoscritto dal Presidente e dal Segretario .

Art. 11

1) Il consiglio Direttivo è composto da 9 Consiglieri nominati dall' Assemblea ordinaria e scelti tra i soci.

2) Il numero dei consiglieri è elevabile , a discrezione del Consiglio , fino ad un massimo di 15 per coinvolgere persone di particolari competenze e disponibilità verso i problemi connessi al Nevegal .

3) I Consiglieri durano in carica tre anni e sono rieleggibili.

4) Il Consiglio Direttivo nomina , al suo interno , un Presidente , un vice Presidente ed un segretario-Tesoriere .

5) Al Consiglio Direttivo partecipa di diritto il Presidente pro-tempore del Consorzio Cooperativo per lo sviluppo del Nevegal.

6) Tutte le cariche sono gratuite .

Art. 12 Il Consiglio Direttivo è investito dei più ampi poteri per il buon funzionamento dell' Associazione e , nei limiti e nelle forme determinati dallo Statuto e dalle Assemblee , provvede al conseguimento degli scopi dell'Associazione nel modo che ritiene migliore. Il Presidente è il rappresentante dell' Associazione di fronte a terzi e , in caso di sua assenza o di impedimento , viene sostituito dal Vice Presidente . Il Consiglio può affidare ad uno dei suoi componenti particolari incarichi determinandone il contenuto e la durata e può far partecipare alle sue adunanze , con voto consultivo , quegli associati od altre persone che possano apportare la loro esperienza e competenza nella soluzione di determinati problemi .

Art. 13 Il Presidente o , in sua assenza , il Vice Presidente convoca il Consiglio quando ne ravvisi l'opportunità. Il Consiglio può altresì essere convocato quando ne sia fatta domanda da almeno un terzo dei suoi membri. Le convocazioni sono fatte per lettera almeno dieci giorni prima della data della riunione e , nei casi d'urgenza , con qualunque mezzo e senza l'obbligo di termine. Per la validità delle riunioni del Consiglio è necessaria la presenza della maggioranza dei componenti in carica al momento della convocazione. Le deliberazioni del Consiglio debbono essere prese a maggioranza dei presenti , in caso di parità prevale la decisione a cui accede il Presidente.

Art. 14 L'Assemblea nomina ,tra i suoi soci , tre Revisori dei Conti i quali durano in carica tre anni e sono rieleggibili. Essi vigilano sulla gestione finanziaria dell'Associazione , preparano la relazione sul conto consuntivo annuale e partecipano alle riunioni del Consiglio Direttivo. CONTRIBUTI DEI SOCI

Art. 15 Le spese di gestione sono sostenute dai soci mediante una quota annuale da versarsi nella misura stabilita dall'Assemblea.

Art. 16 Alla fine di ogni esercizio (che decorre dal 1 agosto al 31 luglio dell'anno successivo) il Consiglio provvede alla compilazione del bilancio consuntivo e del conto patrimoniale che , accompagnati dalla relazione dei Revisori dei Conti , sono sottoposti all'approvazione dell'Assemblea ordinaria nei termini stabiliti dall'art. 8. L'eventuale disavanzo , rilevato dal conto di cui sopra ed approvato dall'Assemblea ,sarà ripianato mediante adeguamento della quota associativa. SCIOGLIMENTO DELL'ASSOCIAZIONE

Art. 17 Lo scioglimento dellcazione , tanti soci che dispongano di almeno tre quarti del totale dei voti spettanti agli associati e , in seconda convocazione , di almeno della metà dei voti. Deliberato lo scioglimento , l'Assemblea nomina uno o più liquidatori ,determinandone i poteri ed il compenso. L'eventuale avanzo risultante dalla liquidazione deve essere destinato ad istituzioni aventi scopi affini alla Associazione o ad Istituzioni di beneficenza.







[ Indietro ]