News

  • Home
  • Articoli
  • ORMAI CI SIAMO E DOPO LE VERIFICHE E LE FIRME DAL NOTAIO SI POTRA’ PARTIRE

ORMAI CI SIAMO E DOPO LE VERIFICHE E LE FIRME DAL NOTAIO SI POTRA’ PARTIRE

Ormai ci siamo e sembra che tra un paio di giorni possa essere siglata l’intesa fra la società protempore Nevegal 2021 presieduta da Massimo Slaviero e l’Alpe del Nevegal.

L’intenzione è quella di aprire le piste Coca, Raccordo e Campo scuola per il giorno di santo Stefano (26 dicembre), ed è per questo che sono state fatte le prime ricognizioni per verificare lo stato degli impianti, i quali sembrano non presentare gravi anomalie.

Ci vorrà una settimana per concludere le verifiche e solo allora si saprà con certezza il reale stato di salute deli stessi, ma come accennato si pensa di sopperire a delle modeste irregolarità con la normale manutenzione.

Di certo è che l’impianto di innevamento sembra essere in buono stato, salvo un paio di pompe che andranno sostituite; per cui nelle prossime settimane gli sparaneve (temperature permettendo) potrebbero entrare in funzione.

Nei prossimi giorni dovrebbe partire la campagna promozionale degli abbonamenti e tutte le iniziative utili ad affrontare un inverno coi “fiocchi”.

C’è molto entusiasmo commenta Slaviero “ tutti stanno dando il massimo per ottenere questo importante risultato e questo è molto bello”.

Ora si dovrà fare un’efficace promozione con offerte particolari che coinvolgano i settori rappresentati dagli operatori, con iniziative atte a dimostrare l’unità d’intenti.

“ Punteremo su una distribuzione di abbonamenti  a prezzo accessibile, con lo stagionale per adulti attorno ai 100 euro e quello per i bambini attorno ai 60 euro. Ma l’idea è di creare dei pacchetti coinvolgendo le attività locali, che permettano ad esempio di sciare e mangiare senza spendere molto e di godersi tutti una bella giornata sulla neve”.

L’obiettivo è raggiungere i 200mila euro di incassi, spiega Slaviero e “a questi conto di poter aggiungere qualche sponsorizzazione, ma il grosso deve arrivare dagli abbonamenti stagionali e giornalieri, anche per dimostrare l’interesse di tutti verso il progetto”.

La società di Massimo Slaviero, Lionello Gorza, Roberto Pierobon, Alessandro Molin e Operatori si dice pronta (non appena terminate le verifiche e acquistati gli impianti), a far partire la corsa all’apertura che come detto si spera possa avvenire per Santo Stefano sempre Covid permettendo.

In parte tratto da il Corriere delle Alpi del 13 novembre 2020