News

  • Home
  • Articoli
  • I BAMBINI PRIMA CHE CON LA MENTE PARLANO COL CUORE, ASCOLTIAMOLI

I BAMBINI PRIMA CHE CON LA MENTE PARLANO COL CUORE, ASCOLTIAMOLI

Bisogna tenerne conto eccome, perché queste richieste non provengono dai politici, dagli operatori, dai maestri di sci, dai residenti, dagli amanti del Nevegal come è giusto che sia; ma da personaggi molto più importanti…dai bambini.

Certo dai bambini di tutta la Provincia e non solo, che venuti a conoscenza della paventata chiusura degli impianti, hanno preso “carta e penna” e hanno stilato circa 200 letterine che la prossima settimana copriranno la scrivania del sindaco Jacopo Massaro.

Come non tenerne conto?

Sono letterine scritte col cuore, alcune delle quali dai più piccoli, corredate da disegni mirati che le mamme porteranno a Palazzo Rosso.

L’iniziativa ideata da alcune mamme e supportata da dalla scuola di sci Nevegal, dall’associazione Amici del Nevegal, e gli sci club, ha portato in questi due giorni una notevole mobilitazione nel mondo giovanile e non solo che ama lo sport e lo sci in particolare.

“Mens sana in corpore sano” venne detto, e noi ribadiamo il concetto.

Un centinaio di letterine sono state consegnate a mano presso lo stadio, altrettante spedite via email.

Siamo convinti che il sindaco Jacopo Massaro ci farà un pensierino, alle aspettative riguardo l’importanza che il Colle rappresenta e ha rappresentato per generazioni di sciatori; alcuni dei quali hanno tenuto alto il nome del Nevegal in tutta Italia, classificandosi in gare di livello.

“ Il Colle è dei bambini, ma loro non sono mai stati interpellati finora” si esprime una mamma.

“Sono tutti molto dispiaciuti per la chiusura. Portarli a sciare a Zoldo o ad Alleghe è scomodo, significherebbe uscire da scuola, prendere il pulmino e tornare a casa alle 18- 18,30. Con i compiti da fare. Molte famiglie rinunceranno a mandare i figli a sciare, senza il Nevegal”.

In parte tratto da Il Corriere delle Alpi del 7 ottobre 2020