News

  • Home
  • Articoli
  • AL CONSORZIO DOLOMITI PREALPI L’INFOPOINT SUL NEVEGAL

AL CONSORZIO DOLOMITI PREALPI L’INFOPOINT SUL NEVEGAL

L’infopoint sul piazzale del Nevegal è stato dato in gestione al Consorzio Dolomiti Prealpi, come l’ufficio turistico alle scale mobili di piazza Duomo.

C’è stata una breve cerimonia di inaugurazione che ha visto la presenza solo dei diretti interessati, il Sindaco di Belluno Massaro, l’assessore Yuchi D’Emilia, il consigliere del Consorzio Fabio Prade e le operatrici che accoglieranno i turisti già da sabato 20.

Niente inviti ad operatori (una ventina), ad associazioni o a quant’altri gravitano per un motivo o nell’altro nel circondario del Colle.

Il fatto che non vi sia stato nessun taglio del nastro e nessun invito ha lasciato l’amaro in bocca a quanti si aspettavano una cerimonia un po’ meno contenuta.

Si sarebbe potuto organizzare qualcosa, tipo un buffet, fare della promozione, valorizzare il Colle in qualche maniera insomma, sempre mantenendo le dovute distanze.

In fondo sono stati dimenticati i molti soci del Colle nonché le associazioni che ne fanno parte, non è dato di sapere i motivi; se di ordine sanitario o di scelta.

Critiche sono arrivate anche per il modo in cui i Consorzio ha gestito in passato la promozione, a detta di qualcuno privilegiando località che non c’entrano niente con Nevegal.

 D’accordo che Il Consorzio Dolomiti Prealpi promuove l’intero comprensorio della Valbelluna, ma ci si aspettava una maggior attenzione per il Nevegal.

L’infopoint del piazzale sarà aperto a giugno il sabato e la domenica; a luglio anche il venerdì.

Ad agosto l’ufficio sarà aperto tutti i giorni, per poi tornare a settembre e ottobre alle aperture nel fine settimana; il tutto per 450 ore complessive.

Il Consorzio nei giorni scorsi ha presentato un programma di lavoro alla giunta, spiega l’assessore D’Emilia, “incontreremo nei prossimi giorni i commercianti e i gestori del centro storico e, in un incontro dedicato, gli operatori del Nevegal”.

In parte tratto da Il Corriere delle Alpi del 19 giugno 2020